Alice Kyteler la strega di kilkenny

Alice Kyteler era una donna bellissima e molto sofisticata; la sua storia, come tutte le storie di streghe ( e di Dorca Kellys), è coperta da mistero..
Nata a Kilkenny all’inizio del 1200 da famiglia benestante, Alice era proprietaria dell’omonima locanda ben conosciuta in città perché ritrovo dell’aristocrazia cittadina.
Morto suo padre,  sposò in giovane età  William Outlaw di circa 20 anni più anziano di lei.
Purtroppo però questa love story non era destinata a durare ed il caro William morì in circostanze misteriose poco dopo la nascita del primogenito William Junior.
Alice però era una donna molto affascinante e non tardò  in trovare un nuovo marito… anche lui banchiere dal nome Adam Le Blont. Dal loro matrimonio nacque anche una figlia.
Ma nemmeno questo matrimonio era destinato a durare e neanche a dirlo… il marito n.2 morì lasciando tutta la sua eredità alla giovane moglie.
Con le eredità dei due mariti Alice era già divenuta una delle donne più influenti e ricche della città.
Il lutto per Adam non durò molto perché un nuovo pretendente già frequentava la locanda!
Così nel 1311 le campane suonarono di nuovo a nozze ed Alice sposò Richard De Valle un proprietario terriero della zona con un portfolio di case e tenute non indifferente!
Sfortunatamente neanche Richard ebbe una lunga vita…sembra infatti che dopo una sontuosa cena, Richard si sentì male e morì improvvisamente. Solo dopo la sua morte si scoprì che il defunto aveva fatto appena in tempo a cambiare il testamento e lasciare tutte le sue proprietà alla cara mogliettina!!
A quel punto Alice era la donna più ricca della provincia del Leinster seconda per ricchezza a pochi.

Però non era abbastanza…

La vita agiata ed i confort che la ricchezza potevano offrire però non furono abbastanza per lei…le campane suonarono di nuovo a nozze per il marito n.4 John Le Poer, anche lui cliente affezionato della locanda che cadde nella trappola d’amore nel 1320.

Il matrimonio n.4 però fu la goccia che fece traboccare il vaso.
Già dopo qualche mese dai festeggiamenti John si ammalò….
Consapevole del passato della moglie, John temette che il suo malessere fosse conseguenza di un maleficio e si rifugiò nella abbazia di S. Francesco.
Forte della denuncia anche dei figli (gelosi per la ricchezza accumulata dalla madre), il vescovo intervenne e cominciò un’inquisizione.
Nel 1324 Alice fu condannata per stregoneria ed eresia ed a seguito della sentenza tutti i suoi averi fu confiscati e fu scomunicata.
La condanna implicava torture e morte al rogo! Ma Alice conosceva persone influenti e riuscì a scappare dal castello di Kilkenny dov’era imprigionata per rifugiarsi a Londra e non fece più ritorno nella cittadina Irlandese.
Purtroppo la sua amica non fu così fortunata poichè fu condannata al rogo nella piazza centrale di Kilkenny dove, dopo ore di crudeli torture, confessò gli atti di stregoneria ed il suo complotto con Alice.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi anche

Storie di Dublinesi, Dorca Kellys

Grace O’Malley, una pirata donna