Dublino per i non vedenti

 

 

Per un non vedente l’esperienza all’estero può non essere facile se non si trovano le attrazioni adatte e le guide preparate.

Dublino per fortuna offre molte opportunità per i non vedenti ed un supporto ammirabile nell’accompagnare i gruppi.
La National Gallery fornisce, dietro prenotazione, dei tour speciali gestiti da esperti accompagnatori. Questi tour permettono di toccare alcune sculture o le loro repliche; offre mappe tattili delle opere più importanti che vengo descritte mentre il gruppo può esaminarle con le mani.
Tutte queste attività devono essere prenotate con anticipo e sono interamente in inglese; chiaramente ogni gruppo può portare l’accompagnatore per una traduzione simultanea in italiano.
Il Museo Collins Barracks, in Dublino 8, offre un’esperienza simile.
Sono a disposizione dei visitatori un kit del soldato dell’epoca, maschera, elmetto, giacca e tutta una serie di altri oggetti.
Un’altra esperienza da non perdere è Dublinia, vicino Christ Church che offre una serie di esperienze sensoriali per i visitatori.
Si possono provare i vestiti dell’epoca e le armature; con tanti suoni e rumori sembra la strada della Dublino medievale!!
Anche i parchi offrono delle valide alternative, c’è un giardino sensoriale a Stephen Green, ed un altro al giardino botanico in cui si possono ascoltare i rumori ed i suoni di un giardino irlandese!
Di solito c’è una guida che accompagna il gruppo durante il percorso.
Un’esperienza simile è offerta a Glendalough, dove c’è un centro informazione ed educazione costruito per non vedenti e dove gli ospiti possono prendere in mano e toccare gli animali, all’interno del centro informazione  c’è anche un giardino sensoriale.
Questa è solo una guida approssimativa, per organizzare un tour o una gita per un gruppo di non vedenti, consigliamo di contattare l’istituto nazionale irlandese per i non vedenti https://www.ncbi.ie/, sempre disponibile ad aiutare e a dare consigli  sulle migliori esperienze da poter fare a Dublino e nel resto d’Irlanda.

 

Se ti e’ piaciuto questo articolo leggi anche:

Turismo fai da te, trinity college

Turismofai da te: il Castello di Dublino