La pubblicità della Guinness, una storia di successo (parte 2)

Nel post precedente ho scritto delle prime pubblicità della Guinness, dal primo post in bianco e nero fino alla creazione del Guinness Zoo con J. T. Gilroy e l’invenzione di Tuki il Tucano.

Oggi comincio dagli anni 60 quando c’è un cambio di strategia nel marketing della Guinness…per la prima volta una persona fisica compare nella pubblicità!

Cambio di strategia.

Dovete sapere che la Guinness fu tra i primi birrifici in Europa a studiare il comportamento dei suoi consumatori ed in questa pubblicità, più conosciuta come “Shipyard” si vede l’after work di un lavoratore medio….cosa c’è di meglio di una Guinness dopo una giornata di lavoro?!
Qualche anno dopo, J.W. Thompson studio prese la direzione delle pubblicità  esordendo con uno spot più conosciuto come Black Pot nel 1976 vincitore anche del premio Cannes Grand Prix.
Un po’ diverso dagli altri, e sicuramente meno conosciuto di tutti, è invece lo spot affidato ad un’agenzia irlandese qualche anno dopo.
La pubblicità, con il titolo di “the Island” vinse il leone d’argento a Cannes e vede come protagonista l’isola di smeraldo.

Good things come to those who wait

Alla fine degli anni 80 però, qualcosa cambiò.
Difficile a credersi però la Guinness si trovò a lottare contro la spietata concorrenza delle birre europee ed importate.
In particolare, il lungo tempo impiegato per la spillatura perfetta stava facendo perdere terreno alla birreria di S. James Gate. Fu allora che la genialità degli autori si inventò la serie di pubblicità GOOD THINGS COME TO THOSE WHO WAIT.
Il primo di una lunga serie fu un poster degli anni ’80 che rappresentava l’evoluzione di una scimmia a bevitore, questo poster fu trasformato in pubblicità televisiva che esortava le persone ad aspettare i 119.5 secondi canonici per la spillatura della pinta perfetta. Il tempo di attesa tanto odiato dai bevitori fu trasformato in una dolce attesa…sottolineando che mentre le altre birre danno piacere immediato, Good things come to those who wait!! Così possiamo adesso vedere la pubblicità Noitulove
…e italian swimmer…
…e dancing man (o Anticipation) che nel 1994 è stata l’ultima pubblicità del “Guinness Time”
…Avete notato la canzone??:-)

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche:

Pubblicità della Guinness Parte II e III