Parco Nazionale del Burren

Il Parco nazionale del Burren

La parola “Burren” viene dal termine irlandese “Boíreann”, che significa luogo roccioso. Il nome è molto appropriato, se si considera la mancanza di terreno di copertura e l’estensione di pavimento  calcareo. Ciononostante, in passato, questa veniva chiamata “roccia fertile” grazie alle erbe nutrienti e alle specie floristiche che vi crescevano. Nel 1651 un ufficiale dell’esercito di Cromwell chiamato Ludlow scriveva: “…non vi è abbastanza acqua per affogare un uomo, né abbastanza legno per impiccarlo, né abbastanza terra per seppellirlo. Quest’ultima è così scarsa che gli abitanti se la rubano l’un l’altro, e tuttavia il loro bestiame è molto grasso. L’erba cresce su pezzetti di terra di due o tre piedi quadrati nelle crepe del calcare, ed è molto dolce e nutriente“.

Il Parco Nazionale Burren si trova nell’angolo sudorientale del Burren e ha un’area di circa 1500 ettari. Il terreno è stato acquistato dal governo allo scopo di preservare la natura e garantire l’accesso da parte del pubblico, e include esempi di tutti i principali habitat del Burren: karren, prateria calcarea, macchia di noccioli, bosco di frassini, Turloughs, laghi, sorgenti pietrificanti, falesie e torbiere.

Il punto più alto del parco è Knockanes (207m), che continua come una terrazza ricurva fino a Mullaghmór, a sud. A est di questa costa c’è un’estesa area, più bassa, di pavimento calcareo (karren) in cui si trovano numerosi laghi semi-permanenti; a ovest il terreno scende lentamente per poi risalire fino ai piedi di una scarpata rocciosa. Nella zona meridionale del parco il pavimento calcareo scompare sotto uno strato di tillite: quest’area è  intensamente utilizzata per il pascolo e la produzione di foraggio.

Questo parco ha circa 350 milioni di anni, ed ha un paesaggio caratteristico formato da aperture nella terra chiamate gryckes e atolli di roccia calcarea chiamate clints. Sotto terra ancora scorrono una serie di fiumi e, a causa del crollo delle caverne sotterranee, ancora adesso sono visibili in superfice delle evidenti depressioni del terreno.

Nonostante il paesaggio sembri arido, 23  dei27 tipi di orchiedee presenti in Irlanda si possono trovare qui. Nel parco sono visibili 90 Tombe megalitiche.

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche:

Le scogliere di Moher

L’anello Claddagh

L’Abbazia di Kylemore